domenica 21 agosto 2011

Yogurt fatto in casa



La dietista-nutrizionista mi ha consigliato di mangiare a colazione uno yogurt. Naturalmente è dall'8 luglio che seguo il suo suggerimento e non è stato facile all'inizio perchè ero abituata a bere solo un caffè.
Ora invece ci ho preso gusto tant'è che ho pensato di produrlo in casa. Ho fatto un po' di ricerche e mi sono messa all'opera.
Con il primo tentativo, senza yogurtiera, ho fallito. Assomigliava più a formaggio spalmabile. Era bello compatto, ma filava! :-/ Quindi sono andata ad acquistare una yogurtiera, il latte (in questo caso intero, biologico e fresco per ottenere uno yogurt compatto in breve tempo) e due tipi di yogurt bianchi. Li ho assaggiati (con cucchiaini puliti per non contaminarli) ed ho scelto quello meno acido, fermentato con Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus termophilus (la legge italiana riconosce che possa essere fregiato della denominazione commerciale di yogurt soltanto il latte di vacca fermentato con Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus termophilus, quindi non ci dovrebbero essere problemi). Più lontana è la scadenza meglio è.
Ho aggiunto lo zucchero di canna  perchè senza non ce la posso fare.
Ottimo, sano ed economico!

Aggiornamento del 26/08/2011: Invece di bollire il latte intero fresco per 20 minuti ho provato a scaldarlo. Lo yogurt è venuto ugualmente cremoso. Quindi non è necessaria la lunga bollitura a meno che non si usi il latte crudo.
Ho anche diminuito a 3 ore e mezza il tempo di fermentazione, partendo da latte e yogurt tiepidi.

Ingredienti:

1 litro di latte intero fresco biologico
1 vasetto di yogurt bianco intero non zuccherato, freschissimo
Se vuoi puoi addolcirlo con zucchero di canna, sciroppo d’acero, o miele d’acacia, o zucchero di canna liquido, malto d'orzo, eccetera.

Utensili:

1 pentola d’acciaio
1  colino
termometro da cucina
Un contenitore di vetro pulito
1 cucchiaino
1 frusta
yogurtiera

Preparazione:

Ho tenuto lo yogurt fuori dal frigo.
Ho fatto bollire il latte fresco per 20 minuti perché ho letto che determina la cremosità dello yogurt.
Ho chiuso la pentola e l'ho messa a bagno in acqua fredda per raggiungere più velocemente i 38°C massimo 40°C (ho controllato con il termometro da cucina).
Ho scaldato il latte a 40° C controllando con il termometro da cucina. Ho messo lo yogurt, a cui ho tolto lo strato superficiale con un cucchiaino pulito, in un contenitore. Ho unito 3 cucchiai di latte ed ho mescolato bene con la frusta, quindi ho aggiunto altro latte e mescolato a lungo. E' importante questa fase per non avere come risultato uno yogurt grumoso e con il siero in superficie.
Ho versato la miscela nei 7 vasetti in dotazione ed li ho messi nella yogurtiera (senza i coperchi). Nelle istruzioni per l'uso c'è scritto che per ottenere un ottimo yogurt sono necessarie 6-8 ore, ma io dopo 4 ore (partendo da un composto già tiepido) ho provato a rimuovere il coperchio della yogurtiera stando attenta a non far cadere l'acqua di condensa nello yogurt. Mi è sembrato bello cremoso, quindi ho chiuso i vasetti e li ho messi in frigorifero (4°C).
Ho atteso 3 ore, poi ho aggiunto un po' di zucchero di canna e... buuuooonoooo! Per niente acido... incredibile! Non solo, dopo una notte in frigo è diventato compatto (nelle foto è cremoso per via del caldo e perchè ci ho messo un po' per farle).


• Note:
- Il latte fresco crudo richiede bollitura di 20 minuti.
Tipi di latte che non richiedono bollitura sono:
Latte di soia
Latte in polvere
Latte a lunga conservazione
Latte sterilizzato
Latte fresco pastorizzato
Latte pastorizzato
Naturalmente differenti tipi di latte possono produrre yogurt diversi, più o meno compatti.
- Anche il tipo di yogurt utilizzato come starter da risultati differenti.
- Si può usare come starter lo yogurt fatto in casa, basta non riutilizzarlo per più di 10/15 volte (per quanto mi riguarda lo riutilizzo 5 volte).
- La yogurtiera permette di realizzare yogurt al naturale, oppure aromatizzato dopo la produzione, o aromatizzato prima della produzione.

Naturalmente puoi divertirti a preparare i gusti che preferisci. Ad esempio al caffè, oppure pezzetti di cioccolato fondente, frutta, cereali, eccetera.

Per quanto mi riguarda lo userò anche per farmi la maschera al viso (basta digitare "maschera allo yogurt" per trovare quella più adatta alla pelle). Vuoi provare?
In tal caso pulisci bene il viso utilizzando il detergente.
Applica la maschera adatta al tuo tipo di pelle con un pennello dalle spatole piatte e morbide.
Metti uno strato spesso.
Dopo che hai applicato la maschera sdraiati e ascolta musica rilassante.
Rispetta i tempi di posa.
Non applicarla mai intorno agli occhi né sulle labbra.
Non dimenticare il collo e il decollétée.

18 commenti:

  1. Una ricettina davvero utile!!!!

    RispondiElimina
  2. peccato non avere la yogurtiera! :(

    RispondiElimina
  3. ♥ Grazie Arianna :)

    ♥ Ciao Fra! La yogurtiera non costa tanto. Io l'ho pagata meno di 16 euro e in breve tempo ammortizzo la spesa. Inoltre è veramente buono. L'ho appena fatto provare a mia nipote di 10 anni e le è piaciuto tanto... ne vale la spesa!

    RispondiElimina
  4. Geniale e altamente attraente. Sempre specialissima :)

    Un bacione cara e grazie del bel commento che hai lasciato sul blog.

    RispondiElimina
  5. Ciao Barbara... anche noi lo facciamo spesso in casa. Il gusto è totalmente diverso da quello che si acquista al supermercato.
    Con dei bei pezzettino di frutta fresca è squisito...

    RispondiElimina
  6. stupendo in tutto il suo pallore e in tutta la sua bontà (anche io con zucchero di canna) bellissime foto!! bacione :)

    RispondiElimina
  7. Mi piace la consistenza del tuo, devo riprovare a farlo con i tuoi suggerimenti e non con quelli che riportano le istruzioni della yogurtiera :)
    Bravissima!!! Spettacolari le foto... ma che te lo dico a fare??? Bacioni

    RispondiElimina
  8. Mi spiace un sacco non essermi aggiunta prima tra i tuoi sostenitori! Ti seguo con vero piacere, ed ora mi metto a sfogliarmi il tuo blog ;-) Prima però vado a tirare fuori la yogurtiera che mi hai fatto venire una gran voglia di yogurt!!! Grazie e a presto. Ps. Grazie per il msg...mia figlia ne è stata felicissima :-D

    RispondiElimina
  9. bellissima ricetta cara Barbara :)

    RispondiElimina
  10. Ottima ricetta! davvero interessante!

    RispondiElimina
  11. Grazie a tuuutte! :)
    I vasetti di yogurt sono già finiti. Devo rifarlo, quindi devo uscire a comprare il latte fresco, ma fuori fa un caldo pazzesco! Magari esco prima che chiuda il supermercato.

    Tua figlia Alessia è stata bravissima, Deborah... ed anche tu lo sei, visto che le insegni ad amare la cucina :)
    Grazie per la tua attenzione!

    RispondiElimina
  12. Importante questo post per la chiarezza dei contenuti...e la definizione dei tempi, non sapevo che con la yogurtiera fosse tutto così semplice.
    Anch'io avevo provato ma siccome impiegava 8-10 ore, spesso mi si inacidiva..e buttavo tutto. Grazie delle dritte, dovrò fare l'investimento! baci

    RispondiElimina
  13. Ciao Elena! Avevo letto più volte che con i tempi indicati dalle yogurtiere veniva acido. Quindi ho voluto provare a diminuirli drasticamente ed è privo di acidità. Eppoi, l'ho aggiunto ora, diventa più compatto dopo una nottata in frigo.
    Il prossimo esperimento è quello di evitare la bollitura del latte intero. Voglio partire da yogurt fuori frigo e latte solo intiepidito (40°C). Voglio vedere se resta o meno cremoso. Naturalmente vi farò sapere. Così, fare lo yogurt in casa sarà ancora più semplice ed economico. A presto!

    RispondiElimina
  14. cosa mi sono persa in tutto questo tempo? sono capitata qui per caso ma da adesso in poi proverò a non perdermi le tue deliziose ricette. Anche a me è presa la passione per lo yogurt fatto in casa, ma non sapevo di poterne fare pure delle maschere per il viso...ho dello yogurt un po' vecchiotto (ma ancora buono) in frigo...grazie per la dritta ;)
    A presto

    Benedetta

    RispondiElimina
  15. Ciao. Grazie per la spiegazione. Ho una domanda. Qualche giorno fa ho fatto lo yogurt di soia (latte di soia + yogurt di soia come starter). Adesso vorrei fare lo yogurt da latte vaccino. Posso usare come starter un po' del mio yogurt di soia o dev'essere uno yogurt di latte vaccino per forza per cominciare?

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Agnese.
      Non lo so perchè non l'ho mai fatto, quindi non voglio dirti una sciocchezza. Posso dire solo che io al tuo posto ci proverei, ma solo per un fatto di curiosità... mi diverte sperimentare.
      Comunque è buona cosa ogni tanto “ripartire” daccapo con un nuovo starter. Normalmente io uso il mio starter per 5 volte, poi riparto da uno yogurt acquistato.

      Elimina
  16. Ho fatto lo yogurt ieri per la prima volta e è venuto buono, però aveva uno strato superficiale ci circa 5 mm che era più consistente (tipo solidificato), ma non acido, mentre il resto era cremoso. Cosa devo fare, togliere quello strato superficiale o semplicemente mischiare tutto con un cucchiaino?

    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel momento in cui lo mangi mescola con il cucchiaino. Con la crisi che c'è non si butta via niente, inoltre non credo che sia un "difetto"... anche gli yogurt che si acquistano hanno spesso uno strato superficiale più compatto.

      Elimina

Grazie per avermi dedicato il tuo tempo!

Pin It button on image hover