lunedì 16 gennaio 2012

Cassoni alle rosole riminurbinesi

Cassone romagnolo

Da mesi avevo in testa un esperimento: usare, in parte, l'impasto della Crescia sfogliata di Urbino per preparare il cassone riminese e visto il risultato voglio fare lo stesso impasto anche per la Piada riminese che chiamerò riminurbinese. Naturalmente per il cassone o per la piada non è necessaria la fase per sfogliare.
Le ragioni sono due:
• Grazie all'uovo e al pepe l'impasto è più saporito
• Su 500 grammi di farina ci vogliono 75 grammi di strutto (buono) invece di 90 grammi.

Sono andata al mercato a caccia di rosole (papaver rhoeas, papavero o rosolaccio) sono deliziose erbe di campo dalle proprietà sedative.

Rosole

Per il ripieno

Ingredienti per 6 cassoni:


1 kg circa di rosole

sale grosso
olio E.V.O.
aglio
pepe nero

Preparazione:


Dopo averle mondate, lavate e asciugate molto bene (se vuoi usa la centrifuga per l’insalata) tritale con il coltello. Cospargi, senza esagerare, il sale grosso.

Rosole

Lasciale macerare in un uno scolapasta
almeno per 3 ore (meglio mezza giornata).
Strizzale per bene (io ho tenuto da parte il liquido per preparare gli strozzapreti verdi che pubblicherò prossimamente).
Condiscile con aglio tritato finemente, olio E.V.O. e pepe nero macinato al momento.

Per l'impasto

Ingredienti per 6 cassoni di 24 centimetri di diametro*:

½  kg di farina “0” debole setacciata (io quella specifica per piade)
1 uovo medio (50 grammi)
codice "0"

75 g di strutto di ottima qualità
180 - 200 ml circa di acqua tiepida
1 cucchiaino colmo di sale
abbondante pepe nero macinato al momento (circa mezzo cucchiaino)

Preparazione:

Sulla spianatoia fai una fontana con la farina. Metti al centro  l’uovo, lo strutto, il sale il pepe. Impasta aggiungendo l'acqua un po' per volta.
La fase che segue l'ho già scritta, ma te la copio e incollo così è più semplice.

Forma delle palline con l’impasto. Avvolgile nella pellicola.
Lasciale riposare in frigorifero per  almeno 2 ore.  
Tirale fuori dal frigo e lasciale riposare per 30 minuti (può capitare che non ci sia il tempo per far riposare l'impasto, magari perchè viene la voglia di cassoni all'ultimo momento... ok puoi farli senza la fase di riposo, avrai un po' di difficoltà a tirare l'impasto perchè tornerà indietro come un elastico).
Scalda bene il testo (come minimo mettilo sul fuoco medio alto 5 minuti prima), la temperatura è molto importante. Tira l'impasto dello spessore di circa 2 millimetri. Farcisci la metà.
Chiudi a libro e sigilla bene con i rebbi di una forchetta e adagialo nel testo. Mi raccomando: il cassone va cotto - per circa 5 minuti - anche nel dorso, quindi dopo averlo fatto in entrambi i lati tienilo "in piedi", ma cerca di non scottarti... io uso un coltello con la lama larga.
* Potrebbe rimanere un po' di impasto per fare un paio di piade.

13 commenti:

  1. Mamma mia ma che bontà è mai questa? la gusterei anche ora dopo aver cenato! Baci

    RispondiElimina
  2. Ciao Barbara, le foto dicono tutto, sono spettacolari questi cassoni riminurbinesi, mi sta rivenendo fame... mannaggia allo strutto, lo so che con l'olio non saranno uguali ma io ci provo lo stesso, mi tentano troppo! Bravissima!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. ♥ Grazie Ely... ti capisco! Per me è stato difficile non mangiarli anche questa sera.

    ♥ Ciao Saraaaa! Grazie :)
    Non ti preoccupare, i cassoni non hanno problemi con l'olio, restano morbidi anche il giorno dopo... se restano ;)
    Buona serata, cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Barbara!
      Hai ragione, se restano, e qui da me non resta mai niente purtroppo!!
      Ti abbraccio, buonanotte!

      Elimina
  4. Se sull'impasto non posso dire niente perchè non conosco la crescia sul ripieno mi sono sbilanciare: stra-mega-buono! E' il mio ripieno preferito, cassoni con le rosole forever ♥ Buongiorno cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno a te! La crescia sfogliata di Urbino è una goduria pazzesca! In realtà ci vogliono 2 uova ogni 500 grammi di farina. Io non ho avuto il coraggio, ma la prossima volta lo farò. C'è molto strutto (100 grammi totali), ma ho trovato un compromesso: la faccio più piccola (18 cm. di diametro) e la riempio di misticanza o farciture leggere.
      Il cassone con le rosole è imbattibile. E' anche il mio preferito... da sempre e per sempre!

      Elimina
  5. Fantasticoooooooo!!!!!

    RispondiElimina
  6. Che visione divina quel verde rinchiuso in uno scrigno di pasta... gnam come ne vorrei uno... dieta al diavolo giuro che lo mangerei nascondendo le briciole come una bambina! ;)

    Vevi :)

    p.s ma le rosole cosa sono?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Verdiana! Mi piace moltissimo il tuo nome e mi piace anche Artù,il nome del tuo bellissimo cane :)
      Senza mandare la dieta al diavolo puoi ridimensionarne il diametro, oppure usare l'olio.
      Ho visto che vivi a Milano. Le rosole sono le foglie - disposte a rosetta - dei papaveri. Qui: http://dialetticon.blogspot.com/2010/02/rosole.html puoi vedere come sono, magari le hai viste.
      Si possono mangiare (nella stagione invernale) crude insieme ad altre erbe di campo, oppure lessate, oppure macerate con il sale per riempire i cassoni romagnoli. I ravioli ripieni con le rosole appena scottate, ricotta, eccetera, sono stra-buoni! Il sapore è delicato e gustoso. Se riesci a trovarle al mercato non fartele scappare!

      Elimina
  7. bellissimo il tuo blog!! non c'è una ricetta ,dico una, che non mi piace!!!!!!
    sto facendo i cassoni ,visto che stamattina li ho trovati freschi! ti ho copiato anche la piada deve essere fantastica! ma penso che farò gli strozzapreti verdi,i ravioli con le rosole ecc ecc......ciao bravissima!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, graaazie Nadia! Ti toccherà sacrificarti parecchio con la pulizia delle rosole. Occhio alle dita e alle unghie: diventano nere. La prossima volta uso i guanti.
      Grazie di cuore per l'entusiasmo!

      Elimina
  8. Uovo nei cassoni e rosole macerate.
    Io le erbette le ho viste cuocere in acqua poi tirate in padella con olio extra v di oliva sale pepe aglio. L'uovo nell'impasto x piada e' come stringersi i maroni nella morsa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensi, anonimo, che ora di uova ne metto due nella piada riminurbinese (mia personalissima versione)! Ma l'ha mai mangiata la crescia sfogliata di Urbino? Inoltre non è strano mettere le uova nell'impasto, è solo più saporita. Logicamente le uova non si mettono nella piada romagnola di Rimini... cerchiamo di non fare confusione!!!
      Le rosole che si usano per i cassoni non si cuociono in padella, ma con il metodo sopra descritto. Per altri usi vengono cotte come ha scritto Lei.
      Ma Lei, dove vive???
      Complimenti per il linguaggio!!!

      Elimina

Grazie per avermi dedicato il tuo tempo!

Pin It button on image hover