mercoledì 23 febbraio 2011

La teglia di Montetiffi per cuocere la piada romagnola (prima parte)


Evvaaaiiii! Ce l'ho!... Finalmente!
♪ ♫ Tatat-ara tatta-ra tattà ♪ ♫
Troppo bella!
♪ ♫ Tatat-ara tatta-ra tattà ♪ ♫
Troppo felice!
Ok! Son fuori come un balcone! Va bene mi ricompongo.
Inizio dal principio.
Vivo in Romagna, più precisamente a Rimini.


  • Qual'è il prodotto tipico di questa regione?... La piada o piadina? Esatto!
    Spesso si vede questo prodotto "proposto" in due versioni principali:
    Piadina Terre di Romagna e Piada Romagnola di Rimini diverse fra loro principalmente per spessore e dimensioni. Quindi nelle zone di Forlì, Ravenna, eccetera è piuttosto spessa, mentre a Rimini e Riccione è più sottile e talvolta di diametro leggermente maggiore.
    Bene! Anche qui ci siamo!
  • Come si prepara la piada romagnola di Rimini?
    Farina • acqua tiepida • strutto • sale
    Si impastano gli ingredienti, si lascia riposare, si formano delle palline, si tirano sottili con il mattarello.
    Facile!
Con cosa si cuoce? E qui ti voglio!
Lo strumento per la cottura della piadina è il "testo".

Tempo fa avevo testato la piada nel Testo e  in  una padella antiaderente. Lo avevo fatto nel forum di Cookaround perchè c'erano molte persone che non avevano la possibilità di trovare il testo.
Due piade piccoline, tanto per provare personalmente la differenza che c'è.
Nel Testo la piada, dopo cotta, dentro era "morbida", o meglio, non era secca.
Nella padella la piada, dopo cotta, dentro era meno morbida. Provando ad arrotolarla si è rotta.  Per quanto riguarda il sapore è uguale.

Da moltissimi anni, in Romagna, molto comune è il testo in ghisa oppure di alluminio, ma in passato (e in minoranza tutt'ora) veniva usata la teglia di terracotta, conosciuta come la Teglia di Montetiffi che, grazie al suo materiale poroso, assorbe l'umidità della piada, garantendo sapori e profumi diversi e speciali.


Se si domanda al tegliaio come si fa la Teglia di Montetiffi, risponde in dialetto così:

Prema u s'fa é pianel,        Prima si fa il pianale, 
pu dop u s'fa l'avrel,          poi dopo si fa l'orlo, 
pu dop u s'fa l'avrècia...     poi dopo si fa l'orecchio... 
ech fat la tégia!                  ecco fatta la teglia!

Era da un bel po' di tempo che desideravo averne una, in fondo Sogliano al Rubicone non è lontano da qui, ma ho sempre rimandato.
Domenica la teglia è arrivata a Rimini!!!
Eccola!


E da chi l'ho acquistata?
Da Maurizio Camiletti (il tegliaio che le crea insieme a sua moglie Rossella Reali) in persona!

Togliendo la cartapaglia, nel retro ho trovato la bellissima poesia di Fabio Molari



OUS

U i è tlà valeda dl’ Ous
di oman che tla tèra i fa i bous
i teira fora dla maelta scoura
e i la mescia sa dla porbia d' sas.
I fa di pièt tond
pò i met a cus.

Par oun cu ne sà
u nè fazil spiegae
sèl clè la pida
che chi pièt l'è al tegi
e soura e fug
us cus ste paen
dal radghi dla veita.

La tègia lè la tèra
che ta la cièp
e tan fe quèl che tvù
...guaesi ta la mègn!!
La pida l'è un insogn
tond, ciaer, parfume
dal volti bustarghè!
                
             (Fabio Molari)


USO

Nella valle Uso
ci sono degli uomini che nella terra fanno dei buchi,
tirano fuori della terra scura
e la mescolano con della polvere di sasso.
Fanno dei piatti rotondi
poi li mettono a cuocere.

Per uno che non  lo sa
non è facile spiegare
cos'è la piada
che quei piatti sono le teglie
e sopra al fuoco
si cuoce questo pane
delle radici della vita.

La teglia è la terra
che la prendi
e ne fai quel che vuoi
... quasi la mangi!!
La piada è un sogno
tondo, chiaro, profumato
a volte bruciacchiato!





Contatti:
Teglie di Montetiffi
Via Montetiffi • Ville, 79
47o30 Sogliano al Rubicone (FC)
Telefono e Fax 0541 940708
Email: letegliedimontetiffi(@)libero(.)it   senza parentesi tonde

~ Fine prima parte ~


19 commenti:

  1. Bellissimo post Barbara, inutile dirti che vado matta per la piadina!!! Da Pascucci ho fatto molti acquisti e che nostalgia ogni volta che ricordo il profumo di questa pietanza semplice e gustosa che oltre a solletica emozioni oltre che lo stomaco!!! Le foto, come sempre, sono fantastiche.

    RispondiElimina
  2. Che bella... ;)) sono felice per te, devo venire dalle tue parte, la voglio anch'io... =)) la mangiamo spesso la piadina e da quando mi hai dato la ricetta anche con più gusto! aspetto con ansia la seconda parte... Buona giornata!

    RispondiElimina
  3. che meraviglia!!
    stupenda la storia di questa teglia per cuocere la piada!! spesso ho pensato che il cucinare si mischiasse ad altri mestieri. l'impasto in cucina somiglia all'impasto per questa teglia o alla malta dei muratori per far le case... che poesia in tutto questo.. che splendido inizio di giornata!
    grazie Barbara.
    aspetto la seconda parte dell'utilizzo pratico ma già questa mi è piaciuta un sacco, stasera la rileggerò con calma.
    Ma sopratutto, a quando un bel pranzo a base di piadina?
    tanti bacini

    RispondiElimina
  4. Ciao Barbara ho tanta voglia di prenderla mia mamma e mia nonna l'avevano..per il tuo concorso l'ho letto è molto bello e lo tengo presente un bacio ciao

    RispondiElimina
  5. ♥ 05:14 :-o ... Pamela, ti sei svegliata da poco o devi andare a dormire?
    Grazie! :-*
    Perchè non trasformare un ricordo nostalgico in realtà? La puoi fare anche tu! Un testo in alluminio si rimedia. La ricetta della piada romagnola di Rimini la trovi già qui:
    http://spelucchino.blogspot.com/2009/09/piadina-romagnola.html
    Puoi anche sostituire lo strutto con l'olio.
    Se invece hai mangiato la piada in altre zone della Romagna, la ricetta non cambia molto, basta aggiungere un po' di bicarbonato, farla più piccola, più o meno 15 cm. di diametro e più spessa.

    ♥ Buongiorno Sara! Certo che andare di persona a Sogliano al Rubicone sarebbe bellissimo, ma so che la vendono anche a distanza... adesso aggiungo il modo per contattarli. Comunque va benissimo anche il testo in alluminio;)

    ♥ Grazie Mirka! :) Sono contenta che ti sia piaciuta la storia della teglia. Anch'io ne sono rimasta incantata ;;)
    Piada e cassoni? Li mangiamo spesso... presto pubblico la piada fatta con una farina diversa, visto che della classica il post c'è già.

    ♥ Ciao Stefania!
    Grazie... in ogni caso:)
    Eh si, tu che non sei troppo distante potresti andare a prenderla di persona e magari fare un bel reportage fotografico.
    La primavera si avvicina e un bel giretto nell'entroterra romagnolo è piacevole ;;)

    RispondiElimina
  6. Ciao cara! Grazie per avermi fatto conoscere qualcosa di nuovo!! Un bacione.

    RispondiElimina
  7. Prego Manuela! :)
    Nonostante ci siano documenti scritti sulla fabbricazione risalenti al 1527, quindi una stoviglia molto antica, è per molti sconosciuta e mi riferisco ai romagnoli...io stessa ho saputo dell'esistenza pochi anni fa.

    RispondiElimina
  8. che bello questo post!!!
    si vede che la volevi tanto ^_^ son felice per te ^_^

    RispondiElimina
  9. Barbara....un post fantastico! Ho molti colleghi di Rimini e spesso mi hanno parlato di questa teglia....ma non l'ho mai trovata e alla fine mi sono comprato il testo! Ma prima o poi la trovo!!! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  10. Grazie Erica! :D Eh sì, la volevo da tanto... non solo, la volevo prendere dal tegliaio, perchè a Rimini le vendono.

    RispondiElimina
  11. Ciao Gianni,
    Grassie! :D
    La teglia si trova anche a Rimini, l'ho vista anche questa mattina passando davanti al negozio. Ti scrivo i dati, magari uno dei tuoi colleghi può prenderla:

    Sigismondo Centrocasa
    Via Sigismondo Pandolfo Malatesta, 49
    47921 Rimini
    0541 788031

    Comunque anche il signor Maurizio Camiletti (il tegliaio) credo che le venda, so che gliele chiedono anche da lontano.

    RispondiElimina
  12. Felice di averti fatto passare dei minuti sorridenti, ma che bello questo post!!! E' un viaggio di storie e sapori, si respira tutto un mondo!! E l'entusiasmo del nuovo acquisto è tangibile... ora bisognerebbe assaggiare :))

    RispondiElimina
  13. Adoro la piadina, e ho una cognata romagnola che la fa squisita !!! cmq omplimenti per il post davvero accattivante , :-) anche io gioisco come una pasqua quando compro qualcosa che desidero da tanto soprattutto se utile in cucina !!! :-)

    RispondiElimina
  14. bella la piadina, e il signor Maurizio è bello fare l'artigiano!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! complimenti e buona serata.........

    RispondiElimina
  15. ieri mi è arrivata e oggi la ho usata uno spettacolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene Maila! Sono contenta che ti piaccia :)

      Elimina
  16. oggi la ho usata è uno spettacolo

    RispondiElimina

Grazie per avermi dedicato il tuo tempo!

Pin It button on image hover